Delta Goodrem


 
     
 

Cantanti - Delta Goodrem

Ti ricordi quando avevi sette anni e l’unica cosa che volevi fare era dimostrare a tua madre che sapevi suonare il piano?" Questa è una cosa che Delta Goodrem nata a Melbourne il 9 novembre 1984 ama ricordare. E’ solo l’inizio. Ma quale inizio! “Born To Try”, il primo singolo dell’album di debutto di Delta, ha sconvolto le classifiche australiane, andando al primo posto poco tempo dopo che Delta aveva compiuto 18 anni. E’ rimasto nella Top 5 per più di tre mesi. “Born To Try”, è entrato anche nelle classifiche inglesi, toccando le prime posizione e rimanendo 11 settimane nella Top 40. Anche in Nuova Zelanda e’ arrivato al primo posto. “Mi piace come “Born To Try”, abbia incontrato il gusto della gente”, dice Delta Goodrem. “Vengono da me persone di ogni tipo, dai bambini di quattro anni alle signore anziane: una signora di ottant’anni mi ha detto che ascolta sempre il cd a casa sua!” In poco tempo Delta Goodrem ha venduto più di un milione e mezzo di album in Australia. Nessuna artista australiana, neanche Kylie Minogue, ha avuto un tale successo con il disco di debutto.






“Innocent Eyes”, il primo album di Delta Goodrem, è entrato nelle classifiche australiane direttamente al numero uno, scalzando dal gradino più alto del podio Norah Jones. Neppure il nuovo disco di Madonna è riuscito a far scendere in classifica quello di Delta che è rimasta al primo posto per sei settimane consecutive per tornarci poi occasionalmente, arrivando a diventare undici volte disco di platino. Ha incontrato il successo anche all’estero, in tutti i Paesi in cui il cd è stato pubblicato, con vendite di platino in Inghilterra (doppio platino), Irlanda e Nuova Zelanda.


La title-track, terzo singolo in Australia, dopo solo due settimane è diventata la canzone più trasmessa dalle radio, un record per le radio australiane. A tutto questo si aggiunge un Logie Award (l’equivalente australiano degli Emmy) come Most Popular New Talent. Un anno sorprendente!


Ma Delta ha ragione. E’ solo l’inizio. Con una voce di grande impatto, Delta Goodrem è una vera scoperta nel mondo del pop, ricca di energia, di innocenza e di gioventù. Il suo è un album pop ricco di sorprese. Come canta Delta in Running Away: “Scappare via dalla prevedibilità, Miss Affidabile, così metodica/Pensa a te stessa e sii originale”. Qui non si parla di una stellina pop costruita ad arte. Delta Goodrem ha lavorato con un cast di grandi firme: il team di produzione dei True North (Gary Barlow, Eliot Kennedy e Tim Woodcock), Ric Wake (il produttore che ha lavorato con Celine Dion, Jennifer Lopez e Mariah Carey), Matthew Gerrard (Mandy Moore, BB Mak), David Nicholas (INXS, Elton John, George), Vince Pizzinga (Midnight Oil, Danielle Spencer), The Rembrandts e l’australiano Mark Golden.


Ma questa è la storia di Delta Goodrem che si è fatta strada da sola. Molte cose di “Innocent Eyes”, sembrano pagine tratte da un suo diario personale. Lei ha composto, da sola o insieme ad altri collaboratori, quasi tutti i brani del disco. La prima frase della prima canzone è significativa: “Faccio tutto ciò in cui credo”. “Volevo realizzare un disco che rispecchiasse la mia vita”, spiega Delta Goodrem. “Ogni canzone mi porta in un luogo legato ai miei ricordi”. Ed è un album che saluta l’arrivo di un nuovo grande talento. Un’artista che fa le cose a modo suo. Con i piedi per terra, con le idee chiare e con grande ambizione.


“Ti ricordi quando avevi 15 anni e i ragazzini a scuola ti davano della stupida perché avevi dei sogni?” Delta Goodrem non è una nuova arrivata nel mondo dello spettacolo. Ha iniziato a sette anni a recitare per la pubblicità e in spettacoli televisivi in Australia, show come Hey Dad, A Country Practice e Police Rescue. Delta Goodrem amava gli sport, in particolare il basket e lo sci, ma la musica era la sua passione. E mentre le sue coetanee spendevano la paghetta per comprare accessori per la Barbie, Delta Goodrem metteva via i soldi per realizzare un cd demo. A dodici anni Delta ha registrato il suo demo, con cinque canzoni che lei stessa aveva composto. Aveva incluso anche la sua versione dell’inno nazionale australiano, perché sognava un giorno di poterla cantare prima di una partita della sua squadra di football del cuore, i Sydney Swans. “Ognuno di noi è autorizzato a sognare”, dice Delta. Delta Goodrem ha inviato il cd ai Swans e loro lo hanno girato a uno dei più grandi fan della squadra, il leggendario manager australiano Glenn Wheatley, l’uomo che ha guidato la Little River Band al grande successo. Nel corso dei due anni successivi Glenn ha aiutato Delta Goodrem a sviluppare la sua capacità di scrivere pezzi. Delta Goodrem ha firmato per la Sony a quindici anni.

Traendo ispirazione da molte fonti, dai Silverchair agli Incubus, da Jeff Buckley alle “dive” Mariah e Celine, Delta cercava la strada giusta. Poi ha scoperto il suo “mantra”: cercare di divertirsi e scrivere cio’ che arrivava direttamente dal cuore. “Non c’è motivo di parlare di quello che avrebbe potuto essere e di rimpiangere le cose che sono passate. La vita è piena di errori, poi c’e il destino. Rimuovi le nuvole e guarda oltre”.

La title-track del suo album di debutto è la sua storia. “Volevo fare una canzone che suonasse un po’ classica, perché io ho studiato pianoforte classico per dieci anni”, spiega lei. “La canzone parla di come si puo’ guardare alle cose della vita con occhi innocenti, con quell’entusiasmo che io non vorrei mai perdere.”

Nel 2002 Delta Goodrem ha avuto un ruolo nella famosa sit com australiana Neighbours, una istituzione della tv in Australia, (ha avuto inizio pochi mesi dopo che Delta è nata). Delta Goodrem, nel ruolo della timida studentessa e cantante Nina Tucker, ha presentato durante lo show la canzone Born To Try. Anche se non le piace troppo cantare sul set dice: “Lavorare a Neighbours è stato fantastico”.

Adesso la ragazza che suona il piano a piedi scalzi vuole portare la sua musica in giro per il mondo. “Mi piace suonare. Mi piace esibirmi per la gente. Il mondo è grande e c’è molto da fare. Ho un sacco di progetti. Voglio suonare la mia musica, raccontare le mie storie, voglio arrivare a cantare ai Grammy, ai Brit e agli ARIA. Conquistare il mondo, non chiedo molto”, dice ridendo, prima di aggiungere: “è solo l’inizio”. Delta Goodrem sorride, con i suoi “occhi innocenti” pieni di luce.